Nel bene o nel male le cose poi si aggiustano. - News - Giuliana Balzano

Vai ai contenuti

Nel bene o nel male le cose poi si aggiustano.

Giuliana Balzano
Pubblicato da in Riflessioni ·
Tags: riflessioni
A gennaio scorso presentai il mio terzo libro "E la vita danzò" a Cairo Montenotte. A fine presentazione comunicai, come nelle volte precedenti, che parte dei proventi del mio libro sarebbero stati donati anche all'AIRC oltre che al Meyer. Un signore tra il pubblico mi disse che quello che facevo con i miei soldi era un problema mio.
In un primo momento non capii bene. Come poteva quell'uomo chiamare una donazione -problema-? Chiesi spiegazioni e lui ribadì il concetto. Chi in quell'occasione mi era accanto come moderatore, conoscendomi bene, capì che non solo c'ero rimasta male ma che quell'affermazione mi aveva irritato molto. Così cercò di spiegare a quel signore che per onestà intellettuale io avevo fatto bene a rendere edotto il pubblico delle mie intenzioni. Cercò di spiegarglielo più di una volta ma invano.
Io sono una che sembro tanto tosta ma, credetemi, non lo sono. Certe cose (se vogliamo chiamarle cose) mi fanno male.
Così incassai.
Poi ricevetti delle mail (due per la precisione).
Nella prima mi veniva detto che io, come tanti altri, donavo solo per farmi pubblicità e per vendere. Nella seconda si metteva in dubbio l'effettività delle donazioni.
Incassai nuovamente. Non risposi neppure... tanto a cosa sarebbe servito?
Decisi di non dire più nulla riguardo le donazioni nelle presentazioni successive. Non feci più scrivere niente sulle locandine. Continuai nel mio intento senza rendere partecipe nessuno.
Poi feci una riunione di condominio con il mio cervello. Eravamo quattro gatti, giusto quattro neuroni, e tutti insieme, all'unanimità (mi piace tanto questa parola ...) decidemmo così: che faccio un po' come cazzo mi pare.
Così tanto per dire.
E tanto per precisare: io ho venduto ugualmente e ugualmente ho donato. Tiè. Anche 15 minuti fa tramite un bonifico, che non vi sto nemmeno ad allegare qui con questo post. Se vorrete vederlo, se davvero c'è chi è così stupido (concedetemi questo aggettivo) da pensare che sia tutta una farsa... beh ci conosciamo, sapete dove abito, suonatemi al citofono o aspettattemi per le 14,15 fuori dall'ospedale. Sapete benissimo dove lavoro. Ho la ricevuta del bonifico. Ve la faccio vedere. So che sarete felici di vederla ma mai quanto io sarò felice di vedere la vostra faccia.
E ancora una cosa: se donare è solo un modo per farsi pubblicità perché non donate anche voi? Ma prima scrivete un libro, dipingete un quadro, organizzate un evento, fate un po' quello che vi pare e poi donate.
C'è del buono a questo mondo, fatevene un ragione. Ad esempio: il Punto Simply Cairo Montenotte vende i miei libri senza trattenere nulla sulle vendite. Lo faranno per farsi pubblicità? E allora W le mie ragazze della Simply!
C'è chi al contrario non mi ha ancora versato dei proventi. Sapete quei tipi ai quali scrivi ma loro non rispondono ma nel frattempo postano su fb? Ecco, quelli.
Io però conosco tanti bravi e buoni avvocati, in caso non bastasse quello che ho sposato. Sapete come si dice: nel bene o nel male le cose poi si aggiustano.
Ahhhh ora sto meglio
Con immutato affetto


Nessun commento

Torna ai contenuti