Dovresti chiedermi perdono - Giuliana Balzano

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dovresti chiedermi perdono

Opere
Dovresti chiedermi perdono è un insieme di ricordi. I ricordi: chi non ne ha? Quelli belli, quelli brutti, quelli che fanno male. C'è di tutto tra i nostri ricordi che, a volte, riaffiorano come vecchie fotografie trovate in un cassetto ben chiuse in una vecchia scatola. Togli il coperchio e tutto riemerge: il bene e il male, la gioia e il dolore, gli addii mancati e quelli al contrario dati, i baci presi e quelli negati. Riaffiora anche tutto l'amore che hai dato e che non ti è più stato reso. Riaffiora tutto, persino la nostra giovinezza. E spesso non ci riconosciamo e quasi ci vergogniamo di essere stati quello che ora non siamo più. La vita non va esattamente come vogliano noi. La vita abbraccia il tempo che inesorabilmente scorre. E allora usiamo con le fotografie la stessa tecnica che usiamo con i ricordi. Scegliamo di ricordare l'amore: quello che abbiamo dato e abbiamo preso. Per il resto, per il dolore non c'è più spazio. Ora hai le foto più belle davanti a te.
Dovresti chiedermi perdono è il ricordo di tutto l'amore che mi è stato dato anche quando non era diretto a me. L'amore non va mai in una sola direzione. L'amore è generoso e si concede a tutti. Sta a noi coglierlo.
In queste foto compaiono alcuni dei personaggi del romanzo. Ci sono io, ovviamente, e ci sono volti di persone che hanno fatto parte e che ancora fanno parte della mia vita. Ci sono quelli che invece mi sono passati accanto insegnandomi che per quanto sia difficile, per continuare a vivere davvero, sarebbe necessario chiedere perdono. Ci sono anche quelli che se ne sono andati via per sempre ma che io so che da me torneranno.
Devo solo convincerli a farlo.

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu